Evita come la peste questi 7 Errori di comunicazione quando usi LinkedIn -

7 Errori da evitare quando scrivi su Linkedin

Se hai iniziato a utilizzare Linkedin per creare nuove opportunità, sicuramente sei incappato nel dubbio di cosa scrivere o cosa condividere. La scelta, a volte è chiara mentre altre volte il confine su cosa sia giusto
pubblicare e cosa no è più fumoso.

 

➡️ Guida gratuita:

Come utilizzare Linkedin per trovare nuovi clienti: processo guidato in 5 steps

(Scaricala ora) ⬅️

 

Allora vediamo di fare chiarezza su alcuni degli errori più frequenti:

1.Creare contenuti per ricevere LIKE. È sempre utile ricevere feedback, ma i modi per riceverlo sono diversi, ecco che potresti trovare molti like ai tuoi post ma non essere in linea con gli obiettivi che ti sei posto nell’utilizzo di questo social. Quindi NON scrivere mai con l’obiettivo generico di ricevere LIKE. Il like NON è il fine della tua strategia!

2.Creare contenuti per ricevere commenti. In questo senso è abbastanza facile cogliere l’obiettivo, basta attaccare qualcuno o qualcosa o prendere un forte posizione rispetto ad un argomento o ad un fatto di cronaca. Puoi utilizzare alcune tecniche come il newsjacking ed ottenere dei buoni dibattiti, ma la ricerca di commenti non deve essere il fine della tua strategia.

3.Creare contenuti per esaltarci e magnificare i nostri prodotti o servizi. Tante volte mi sono sentito fare la domanda “perché dovrei scegliere i tuoi servizi?” oppure mi sono trovato di fronte alla tentazione di pubblicizzare la mia attività e i miei risultati. Considera, però che mediamente ci sono più contenuti disponibili che tempo per leggerli, quindi questa scelta non attirerà i tuoi potenziali clienti.

4.Creare contenuti a sfondo politico. La politica si infila un po’ dappertutto. Soprattutto dopo aver compreso la potenza devastante (Vedi il film “The Great Hack” per capire le dinamiche in atto). Pubblicare questi contenuti è il modo migliore per perdere metà del tuo audience. In Linkedin si parla di lavoro!

5.Creare contenuti per veicolare il tuo Brand. Sicuramente non è male veicolare il proprio brand, farlo dimostra che la tua attività esiste ed è viva e vegeta, ma questo fatto non ti aiuta di certo a raggiungere l’obiettivo di catturare l’attenzione dei tuoi potenziali clienti.

6.Creare contenuti per criticare un’intera categoria. Sono pienamente d’accordo sulle critiche all’attuale
modo di  vendere, ad esempio. Insegnare tecniche che sfruttano la brutale pressione per vendere non è più di moda (soprattutto con il moderno cliente che può prendere informazioni quando vuole e su ciò che vuole). Però queste generalizzazioni sono sempre un pò tirate. Generalmente si arriva a questi contenuti, quando, invece di dare delle buone idee o spunti di miglioramento si preferisce tirare una riga bella grossa su tutta la categoria (perché di solito non si sa bene di cosa si sta parlando).

7.Creare contenuti condividendo quelli degli altri. Nulla di sbagliato a condividere qualche argomento interessante, ma si deve sempre far vedere che dietro ci siamo noi. Quindi se non si aggiunge la nostra prospettiva, un nostro commento, non si sta facendo content marketing.

La tua STRATEGIA di contenuti su Linkedin deve essere impostata con l’obiettivo di aiutare le persone che vuoi “raggiungere” con idee preziose per loro (è il mio concetto di Valore). Quando lo fai, cioè quando riesci a dare qualcosa che influenza la visione o il modo di fare o di pensare del destinatario del contenuto hai vinto. I tuoi contenuti catturano l’attenzione dei tuoi potenziali clienti e tu ti posizioni come esperto del settore, diventi qualcuno che può aiutarli a fare la differenza.

Perciò i tuoi contenuti potrebbero non avere tanti LIKE (che non misura nulla di interessante, se non la propria vanità), potrebbero non ricevere commenti (magari i tuoi contatti non vogliono esporsi), ma sicuramente stanno facendo il “lavoro sporco” per te, posizionandoti come risorsa di Valore.

Quei contatti andranno a vedere chi sei e cosa fai e tu devi farti trovare pronto ovvero devi avere un profilo Linkedin PERFETTO.

Quindi PRIMA di pubblicare ponetevi queste domande:

  • Questo contenuto mi aiuta a servire le persone che sto cercando di aiutare?
  • È questo il tipo di contenuto per cui voglio che i miei clienti e potenziali clienti mi conoscano?
  • Il contenuto aiuterà a modellare la loro visione sul perché dovrebbero cambiare e aiutarli a riconoscere nuove possibilità o potenzialità?

Queste sette indicazioni fanno parte del buon bagaglio culturale per utilizzare al meglio Linkedin. 

Al tuo successo